venerdì 30 agosto 2013

L’indecisione di Rajoy














Il successo del processo sovranista è che l’approccio si fa dalla Catalogna, senza che dalla Spagna possa essere disattivato. Questo fu uno degli errori del piano Ibarretxe (presidente del Paese Basco), a parte il fatto che il movimento allora non era fondato sulla mobilitazione popolare. Il grande errore del lehendakari fu quello di presentare la proposta al Congresso dei deputati spagnolo. Là, ovviamente, la demolirono democraticamente con i voti di PP e PSOE, e fine del piano con Ibarretxe che raggiunse la sua fine politica. Portò il dibattito presso un ente parlamentare sbagliato.







Il processo catalano, come suggerisce l’elaborato rapporto del Consiglio Consultivo per la Transizione Nazionale, sarà definito invece sempre in Catalogna. Mediante una consultazione o delle elezioni plebiscitarie oppure di una dichiarazione del nostro Parlamento, dall’inizio alla fine il quadro delle decisioni politiche sarà quello dei cittadini della Catalogna.







Il presidente spagnolo, Mariano Rajoy, quando si deciderà a rispondere alla richiesta scritta che Mas le ha inviato, potrebbe avere la tentazione di far cadere la Catalogna nella trappola del piano Ibarretxe. Cioè, potrebbe tentare di far passare la richiesta di consultazione della Catalogna al Congresso, per far sì che il PP ed il PSOE la facciano fuori. Ma questa volta no, il processo catalano si può votare soltanto in Catalogna.



El Singular Digital

1 comentaris:

  • Marco Giralucci says:
    31 agosto 2013 05:29

    Hola,
    sóc italià i visc a Catalunya des de fa 7 anys.
    Crec que haurieu de revisar aquesta traducció perquè - sento molt dir-ho - no s'entèn gaire.
    Amb això respecto molt la feina que feu i no puc donar-vos un cop de mà com m'agradaria fer.
    Una abraçada
    Marco

Posta un commento