giovedì 29 agosto 2013

Quando lo stato si nasconde


Mi ha sorpreso molto che il responsabile di inaugurare i mondiale di nuoto fosse Artur Mas. Lo stato tenta di ridurre qualsiasi attività internazionale della Generalitat e per questo sorprese molto che abbia ceduto questo protagonismo al presidente della Catalogna. Però la spiegazione si deve andare a cercare esattamente nel disastro nel quale si è convertita Spagna. Semplicemente si nascondevano perché non sapevano chi metterci, non avevano nessuno con la garanzia di non essere fischiato.
Psicologicamente, questo è importante. Credo che è la prima volta che vedo come lo stato si nasconde, spaventato. Semplicemente non sapevano chi inviare. Dieci anni fa il mondiale di nuoto di Barcellona lo avevano inaugurato Cristina de Borbó e Iñaki Urdangarin, che è evidente che ora non potevano farlo. Juan Carlos neanche. Di fatti, lo nascondono tanto quanto possono dal famoso caso di Botswana. Sarebbe potuto venire Felipe, però l’avevano fischiato al Liceu quattro giorni prima e una seconda fischiata sarebbe stata troppo. E,  eliminata la casa reale, neanche gli attori politici sono presentabili. Il presidente del governo, Mariano Rajoy, avrebbe dovuto sentire con ogni probabilità una fischiata assordante. E il ministro responsabile dello sport è un certo Wert, opzione, quindi, impossibile.
Questo è tutto, quindi. Lo stato non sabia chi presentare e per questo ha “lasciato” che il protagonismo fosse per il presidente della Catalogna. Nel suo congiunto è un aneddoto? A me non sembra. Non in uno stato così insitente sulle relazioni diplomatiche e tan ossessionato sul processo della sovranità. Mi sembra piuttosto una lezione, e molto interessante, sulla debolezza estrema che oggi dimostra lo stato spagnolo.


Vicent Partal

0 comentaris:

Posta un commento